Vita e opere

Andrea Porotti, classe 1981.

Nasco, cresco e vivo a Palermo per circa 27 anni. Nel 2008 il lavoro mi porta a Voghera, provincia di Pavia, un piccolo angolo di paradiso nella splendida cornice della Pianura Padana in cui risiedo tuttora.

Ho contratto la passione per l’informatica in tenera età, alle scuole elementari, e nonostante le cure non sono mai guarito.

Ho iniziato a lavorare come programmatore, entrando a far parte di un team impegnato nello sviluppo di un’applicazione in ambito medico. Successivamente ho scoperto i linguaggi per il web e mi sono spostato progressivamente verso la produzione di siti e gestionali.

Nel corso degli anni l’attività di sviluppo ha subito alcune interruzioni. Mi sono occupato della gestione di reti, server e computer su diversa scala, dalla piccola azienda alla multinazionale.

Vivere in prima persona l’annoso conflitto tra programmatori e sistemisti non è stato semplice. Ma affrontare situazioni tanto diverse e apparentemente lontane tra loro mi ha permesso di vedere le cose da molteplici punti di vista e di acquisire una buona autonomia nell’analisi e risoluzione dei problemi.

A metà del 2019 i segni della lunga battaglia mi hanno spinto a fare una scelta, così ho deciso di concentrare gli sforzi in un’unica direzione e tornare alla mia passione per il web come sviluppatore freelance.

Nel tempo è aumentato il mio apprezzamento per WordPress, la sua community e tutto ciò che gira attorno a questo CMS, per questo l’ho scelto come ambiente di riferimento per la creazione di siti web.

Se vuoi sapere di cosa mi occupo, dai un’occhiata alla pagina dei servizi. Oppure guarda cosa scrivo sul blog.

Tempo libero

Quando non lavoro mi dedico a:

  • la ricerca, la lettura e l’apprendimento in campo informatico
  • la musica
  • la fotografia
  • la bicicletta (rigorosamente MTB)
  • il Lago d’Iseo
  • le colline dell’Oltrepò Pavese

L'orrenda foto di rito

Foto brutta di Andrea Porotti
La tazza è ironica (seppure la capiamo in quattro). I veri Architect non se la prendano.

Nonostante ciò che hai letto in questa pagina vuoi comunicare con me?